Rating di legalità

 

La legge n. 27 del 24 marzo 2012 attribuisce all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato il compito di elaborare e attribuire un rating di legalità alle imprese che ne facciano richiesta ai fini della concessione di finanziamenti da parte delle pubbliche amministrazioni e di accesso al credito bancario.

Il successivo regolamento attuativo del MEF, il decreto n. 57 del 20 febbraio 2014 pubblicato nella G.U. del 7 aprile 2014, ha disciplinato le modalità con cui le banche devono tenere conto di tale rating nella concessione di finanziamenti alle imprese.
La normativa impone inoltre alla Banca d’Italia di pubblicare annualmente dati aggregati relativi ai casi di omessa considerazione del rating di legalità.

Per avviare la consueta raccolta annuale di tali dati, è reso disponibile un modulo in formato pdf, che deve essere compilato dalle società capogruppo, con riferimento all’intero gruppo bancario, e dalle banche individuali non appartenenti a gruppi.
Il questionario allegato è riferito all’operatività svolta nel corso del 2019 ed è stato inviato a Banca d’Italia nelle modalità declinate dal Regolatore.

DOCUMENTAZIONE