Transizione dal LIBOR

Il London Interbank Offered Rate (LIBOR) è uno tra i più noti tassi di riferimento utilizzati a livello globale e viene pubblicato in cinque valute (sterlina inglese, euro, yen giapponese, franco svizzero e dollaro statunitense). Il LIBOR rappresenta il tasso medio a cui le banche sono disposte a ricevere prestiti all'ingrosso non garantiti.  Costituisce il tasso di riferimento per svariate centinaia di trilioni di dollari di prodotti finanziari, ivi incluso per il calcolo degli interessi.

Ragioni sottese al cambiamento
La Financial Conduct Authority del Regno Unito ha annunciato che a partire dalla fine del 2021 non richiederà più alle banche contribuenti di continuare a contribuire alla formazione del LIBOR. Pertanto, le autorità di vigilanza a livello globale e le banche centrali hanno incoraggiato fortemente gli operatori del mercato a individuare tassi di riferimento alternativi.

Sviluppi recenti
Negli ultimi anni, sotto la guida dalle banche centrali, gruppi di lavoro del settore hanno individuato taluni tassi di riferimento alternativi per ciascuna delle cinque valute di pubblicazione del LIBOR, in alternativa a quest'ultimo. Ad esempio, il National Working Group on Swiss Franc Reference Rates ha recentemente reso noto di attendersi che il LIBOR di riferimento per il franco svizzero cesserà di essere pubblicato a partire dalla fine del 2021. Sarà sostituito dallo Swiss Average Rate Overnight (SARON), che rappresenta la media dei tassi di interesse overnight per il franco svizzero (CHF).

Anche in molti altri paesi sono in atto riforme dei benchmark, secondo un approccio che prevede l'adozione di due tassi di riferimento. Questo significa individuare un tasso di riferimento alternativo da affiancare ai tassi lettera interbancari (“IBOR”) tipicamente utilizzati in ciascuno di quei paesi. L'Euro Short Term Rate (“€STR”), lanciato come tasso per prestiti overnight a rischio prossimo a zero, andrà a sostituire l'Euro Overnight Index Average (“EONIA”) alla fine del 2021.  In questa fase, non è stata indicata alcuna possibile data di cessazione della pubblicazione dell'Euro Interbank Offered Rate (“EURIBOR”).

Sebbene il LIBOR potrebbe continuare ad essere disponibile sino alla fine del 2021, gli istituti finanziari dovranno far fronte alla sfida posta dalla circostanza che numerosi contratti che utilizzano questo tasso scadranno dopo il 2021. Per il LIBOR e altri tassi IBOR, le proposte si trovano a stadi di definizione diversi, variano per ampiezza e tempistiche e sono in costante evoluzione.

Prepararsi alla transizione dal LIBOR
Barclays sta svolgendo un ruolo attivo, unitamente a organi di vigilanza, banche centrali, organi di settore e associazioni di categoria, nello sforzo globale di plasmare il futuro dei mercati finanziari post LIBOR ed è a vostra disposizione per rispondere alle vostre domande sul processo di transizione.