Mutui

Come possiamo aiutarti?

Estinzione Anticipata

È facoltà del Cliente rimborsare il mutuo prima della scadenza contrattuale, in misura totale o parziale (estinzione anticipata).


Barclays Bank Ireland PLC Italia Riacquisto di Mutui Ipotecari da Ariel s.r.l.


Fondo di Solidarietà

Il Fondo di solidarietà ha previsto la possibilità per i titolari di un mutuo contratto per l'acquisto della prima casa, di beneficiare della sospensione del pagamento delle rate al verificarsi di situazioni di temporanea difficoltà destinate ad incidere negativamente sul reddito complessivo del nucleo familiare.


Portabilità

La portabilità del mutuo, o surrogazione, permette al debitore di sostituire la Banca che ha erogato inizialmente il mutuo con una nuova Banca, mantenendo viva l’ipoteca originariamente costituita.


A seguito dei gravi disagi socio economici causati dagli eventi metereologici che hanno colpito i territori delle Province di Brescia, Lecco e Sondrio nei giorni 11 e 12 giugno 2019 e considerato quando disposto dall’Ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Protezione Civile, n. 598 del 25 luglio 2019 (G.U. n. 182 del 5 agosto 2019), Barclays informa di quanto segue.
I clienti Barclays aventi residenza oppure sede legale e/o operativa nei comuni delle Province di cui alla delibera del Consiglio dei Ministri del 1° luglio 2019 (G.U n. 182 del 05-08-2019), titolari di mutui relativi ad edifici distrutti o resi inagibili anche parzialmente, oppure relativi alla gestione di attività di natura commerciale ed economica, possono richiedere la sospensione delle rate dei medesimi mutui potendo optare tra la sospensione dell'intera rata e quella della sola quota capitale.
La sospensione è a titolo gratuito. In ogni caso poiché la sospensione determina un allungamento della durata complessiva del mutuo essa comporta un maggior importo degli interessi totali a carico dei mutuatari.
I tempi di rimborso e i costi dei pagamenti sospesi verranno calcolati in base a quanto previsto dall'Accordo del 18 dicembre 2009 tra l'ABI e le Associazioni dei consumatori, in tema di sospensione dei pagamenti.
La sospensione potrà essere richiesta fino alla ricostruzione, all’agibilità o all’abitabilità dell’immobile e comunque non oltre la data di cessazione dello stato di emergenza (dichiarato con Delibera del Consiglio dei Ministri il 1° luglio 2019 per 12 mesi dalla data della deliberazione), ossia non oltre il 1° luglio 2020, salvo proroghe.
La domanda di sospensione dovrà essere presentata entro il 30 settembre 2019 e dovrà essere assistita da un’autocertificazione, resa ai sensi del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445, che attesti il danno subito dall’immobile per il quale si richiede l’attivazione della sospensione.


Provvedimento a favore della popolazione dei comuni della provincia di Catania colpiti dal sisma del 26 Dicembre 2018


In conseguenza dell'emergenza determinatasi a seguito del crollo di un tratto del viadotto Polcevera dell'autostrada A10, nel Comune di Genova, noto come ponte Morandi, avvenuto nella mattinata del 14 agosto 2018,  Barclays desidera informare i soggetti titolari di mutui relativi agli edifici sgomberati, ovvero alla gestione di attivita' di natura commerciale ed economica svolte nei medesimi edifici, della possibilità di richiedere una sospensione delle rate dei medesimi mutui,  previa presentazione di autocertificazione del danno subito, resa ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445 e successive modificazioni ed integrazioni. La sospensione potrà essere richiesta fino all'agibilità o all'abitabilità del predetto immobile e comunque non oltre la data di cessazione dello stato di emergenza, e dovrà pervenire entro il 1° ottobre 2018. I tempi di rimborso e i costi dei pagamenti sospesi verranno calcolati in base a quanto previsto dall'Accordo del 18 dicembre 2009 tra l'ABI e le associazioni dei consumatori, in tema di sospensione dei pagamenti.


Moratoria Legge di Stabilità

SOSPENSIONE DELLA QUOTA CAPITALE DEI CREDITI ALLE FAMIGLIE
Lo scorso 31 marzo, l'ABI e le Associazioni dei consumatori hanno sottoscritto, un nuovo accordo, nell’ottica di ampliare le misure di sostegno alle famiglie in difficoltà attraverso la sospensione della quota capitale dei finanziamento a medio e lungo termine, tenuto conto di quanto previsto dall'art. 1, comma 246 della Legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge di Stabilità).


ACCORDO ABI– PROROGA

Lo scorso 21 novembre 2017, l’ ABI e le Associazioni dei consumatori (AACC), nell’ottica di dare continuità alle misure di sostegno alle famiglie in difficoltà nel pagamento delle rate dei finanziamenti, hanno convenuto di prorogare l’accordo per la sospensione della sola quota di capitale del credito alle famiglie siglato il 31 marzo 2015.
Tale iniziativa è stata pertanto prorogata al 31 luglio 2018; rimangono invariate le condizioni di sospensione previste nell’accordo ABI/AACC del 31 marzo 2015.


In considerazione del grave disagio socio economico derivante dagli eventi metereologici che hanno colpito i soggetti residenti o aventi sede legalee/o operativa nei comuni individuati, i soggetti titolari di mutui relativi agli edifici distrutti o resi inagibili anche parzialmente ovvero alla gestione di attività di natura commerciale ed economica svolte nei medesimi edifici.

I Clienti interessati hanno diritto di chiedere, fino alla ricostruzione, all’agibilità o all’abitabilità del predetto immobile e comunque non oltre la data di cessazione dello stato di emergenza, una sospensione delle rate dei medesimi mutui, optando tra la sospensione dell'intera rata e quella della sola quota capitale.

La sospensione potrà essere richiesta per un periodo non superiore a 12 mesi dalla data di presentazione della richiesta. I tempi di rimborso e i costi dei pagamenti sospesi verranno calcolati in base a quanto previsto dall'Accordo del 18 dicembre 2009 tra l'ABI e le associazioni dei consumatori, in tema di sospensione dei pagamenti.


In considerazione del grave disagio socio economico derivante dagli eventi sismici avvenuti il 21 agosto 2017, che hanno colpito le popolazioni residenti nei comuni di Casamicciola Terme, di Forio e di Lacco Ameno dell'Isola di Ischia, Barclays desidera informare i clienti aventi residenza oppure sede legale e/o operativa in uno dei comuni interessati dagli eventi sismici della possibilità di richiedere la sospensione dei pagamenti delle rate dei mutui ipotecari relativi ad immobili distrutti, danneggiati, inagibili o inabitabili, anche parzialmente, oppure relativi alla gestione di attività di natura commerciale ed economica svolta negli stessi, previa presentazione di autocertificazione del danno subito, resa ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445 e successive modificazioni ed integrazioni.


In considerazione del grave disagio socio economico derivante dagli eventi sismici avvenuti dal 24 agosto al 30 ottobre 2016, che hanno colpito le popolazioni residenti nelle provincie dei comuni di Ascoli Piceno, Fermo, L’Aquila, Macerata, Perugia, Teramo, Terni, Rieti (per l’elenco dei comuni coinvolti è possibile consultare la sezione “Comuni interessati” del sito Barclays), in attuazione del Protocollo di Intesa tra l’Associazione Bancaria Italiana, il Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri e le Associazioni dei Consumatori, siglato il 26 ottobre 2015, in attuazione della Ordinanza della Protezione Civile del 26 agosto 2016, del decreto legge n. 189 del 17 ottobre 2016, nonché del decreto legge n. 205 dell’11 novembre 2016, Barclays desidera informare i clienti aventi residenza oppure sede legale e/o operativa in uno dei comuni interessati dagli eventi sismici della possibilità di richiedere la sospensione dei pagamenti delle rate dei mutui ipotecari o chirografari e dei prestiti personali relativi ad immobili distrutti, danneggiati, inagibili o inabitabili, anche parzialmente, oppure relativi alla gestione di attività di natura commerciale ed economica svolta negli stessi


PROROGA

Con riferimento alla modifica dell’articolo 14, comma 6 del decreto-legge 30 dicembre 2016, n.244, convertito, con modificazioni , dalla legge 27 febbraio 2017, n.19, è stato prorogato al 31 dicembre 2020 il termine della sospensione del pagamento delle rate dei mutui e dei finanziamenti, a seguito degli eventi sismici del 2016 nel Centro Italia.
La proroga è stata estesa al 31 dicembre 2021 per le attività economiche, nonché per i soggetti privati per i mutui relativi alla prima casa di abitazione, inagibile o distrutta, localizzate nella cosiddetta “zona rossa”.

COMUNICAZIONE RELATIVA AI CLIENTI CON MUTUO INDICIZZATI AL TASSO DI INTERESSE EURIBOR ACT/365

A far data dal 31 marzo 2019, l’EMMI (“European Money Markets Institute”) amministratore dei tassi di interesse Euribor, ha cessato la pubblicazione del tasso Euribor secondo la convenzione “Act/365 giorni”. Anche dopo tale data, EMMI continuerà invece a pubblicare il tasso Euribor secondo la convenzione “Act/360 giorni”.
Pertanto, a partire dal primo aprile 2019, il tasso applicabile al contratto sarà calcolato secondo le modalità formulate da ABI per convertire il tasso Euribor con base “Act/360 giorni” in quello con base “Act/365 giorni”.
In particolare, ABI, richiamando quanto indicato sul sito di EMMI, ha segnalato che il tasso base “Act/360 giorni” può essere convertito in quello con base “Act/365 giorni” con la seguente formula:
tasso Euribor base 365 = tasso Euribor base 360 x (365/360).
ABI, ancora richiamando EMMI, ha specificato che l’arrotondamento è fissato a tre decimali dopo la virgola.
Tale nuova metodologia di calcolo non comporterà alcuna modifica al tasso di interesse applicato ai rapporti indicizzati al suddetto parametro.
Per ogni ulteriore chiarimento può contattare il Servizio Clienti al numero 800.205.205 da rete fissa oppure il numero a pagamento +39 02541199 in caso di chiamata da telefono cellulare, dal lunedì al venerdì dalle ore 8:00 alle ore 19:00.

Contatti

Numero verde attivo dal Lunedì al Venerdì dalle ore 08.00 alle 19.00

800.205.205

Dall'estero
0039.02.4037.8205
Da cellulare
+39 02.541199
Email
clientservice@barclays.it
Fax
02.5415.2512


Cookies – questo messaggio comparirà una sola volta.


Barclays utilizza cookies su questo sito. I cookies ci aiutano a capire un po’ meglio le tue preferenze e come utilizzi il nostro sito internet, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione e di marketing tua e degli altri. I cookies vengono memorizzati localmente sia sul tuo computer che sul tuo dispositivo mobile. Per accettare l’uso di cookies basta continuare a navigare normalmente o, in alternativa, puoi cliccare alla sezione dedicata del sito 'cookie' per avere ulteriori informazioni

Vorrei sapere di più su

Contatti

Email
clientservice@barclays.it
PEC
barclaysirelanditaly@pec.ie.barclays
Fax
02.5415.2512
Numero verde attivo dal Lunedì al Venerdì dalle ore 08.00 alle 19.00

800.205.205

Dall'estero
0039.02.4037.8205
Da cellulare
+39 02.541199

Mutui


Come possiamo aiutarti?

Estinzione Anticipata

È facoltà del Cliente rimborsare il mutuo prima della scadenza contrattuale, in misura totale o parziale (estinzione anticipata).


Barclays Bank Ireland PLC Italia Riacquisto di Mutui Ipotecari da Ariel s.r.l.


Fondo di Solidarietà

Il Fondo di solidarietà ha previsto la possibilità per i titolari di un mutuo contratto per l'acquisto della prima casa, di beneficiare della sospensione del pagamento delle rate al verificarsi di situazioni di temporanea difficoltà destinate ad incidere negativamente sul reddito complessivo del nucleo familiare.


Portabilità

La portabilità del mutuo, o surrogazione, permette al debitore di sostituire la Banca che ha erogato inizialmente il mutuo con una nuova Banca, mantenendo viva l’ipoteca originariamente costituita.


A seguito dei gravi disagi socio economici causati dagli eventi metereologici che hanno colpito i territori delle Province di Brescia, Lecco e Sondrio nei giorni 11 e 12 giugno 2019 e considerato quando disposto dall’Ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Protezione Civile, n. 598 del 25 luglio 2019 (G.U. n. 182 del 5 agosto 2019), Barclays informa di quanto segue.
I clienti Barclays aventi residenza oppure sede legale e/o operativa nei comuni delle Province di cui alla delibera del Consiglio dei Ministri del 1° luglio 2019 (G.U n. 182 del 05-08-2019), titolari di mutui relativi ad edifici distrutti o resi inagibili anche parzialmente, oppure relativi alla gestione di attività di natura commerciale ed economica, possono richiedere la sospensione delle rate dei medesimi mutui potendo optare tra la sospensione dell'intera rata e quella della sola quota capitale.
La sospensione è a titolo gratuito. In ogni caso poiché la sospensione determina un allungamento della durata complessiva del mutuo essa comporta un maggior importo degli interessi totali a carico dei mutuatari.
I tempi di rimborso e i costi dei pagamenti sospesi verranno calcolati in base a quanto previsto dall'Accordo del 18 dicembre 2009 tra l'ABI e le Associazioni dei consumatori, in tema di sospensione dei pagamenti.
La sospensione potrà essere richiesta fino alla ricostruzione, all’agibilità o all’abitabilità dell’immobile e comunque non oltre la data di cessazione dello stato di emergenza (dichiarato con Delibera del Consiglio dei Ministri il 1° luglio 2019 per 12 mesi dalla data della deliberazione), ossia non oltre il 1° luglio 2020, salvo proroghe.
La domanda di sospensione dovrà essere presentata entro il 30 settembre 2019 e dovrà essere assistita da un’autocertificazione, resa ai sensi del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445, che attesti il danno subito dall’immobile per il quale si richiede l’attivazione della sospensione.


Provvedimento a favore della popolazione dei comuni della provincia di Catania colpiti dal sisma del 26 Dicembre 2018


In conseguenza dell'emergenza determinatasi a seguito del crollo di un tratto del viadotto Polcevera dell'autostrada A10, nel Comune di Genova, noto come ponte Morandi, avvenuto nella mattinata del 14 agosto 2018,  Barclays desidera informare i soggetti titolari di mutui relativi agli edifici sgomberati, ovvero alla gestione di attivita' di natura commerciale ed economica svolte nei medesimi edifici, della possibilità di richiedere una sospensione delle rate dei medesimi mutui,  previa presentazione di autocertificazione del danno subito, resa ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445 e successive modificazioni ed integrazioni. La sospensione potrà essere richiesta fino all'agibilità o all'abitabilità del predetto immobile e comunque non oltre la data di cessazione dello stato di emergenza, e dovrà pervenire entro il 1° ottobre 2018. I tempi di rimborso e i costi dei pagamenti sospesi verranno calcolati in base a quanto previsto dall'Accordo del 18 dicembre 2009 tra l'ABI e le associazioni dei consumatori, in tema di sospensione dei pagamenti.


Moratoria Legge di Stabilità

SOSPENSIONE DELLA QUOTA CAPITALE DEI CREDITI ALLE FAMIGLIE
Lo scorso 31 marzo, l'ABI e le Associazioni dei consumatori hanno sottoscritto, un nuovo accordo, nell’ottica di ampliare le misure di sostegno alle famiglie in difficoltà attraverso la sospensione della quota capitale dei finanziamento a medio e lungo termine, tenuto conto di quanto previsto dall'art. 1, comma 246 della Legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge di Stabilità).


ACCORDO ABI– PROROGA

Lo scorso 21 novembre 2017, l’ ABI e le Associazioni dei consumatori (AACC), nell’ottica di dare continuità alle misure di sostegno alle famiglie in difficoltà nel pagamento delle rate dei finanziamenti, hanno convenuto di prorogare l’accordo per la sospensione della sola quota di capitale del credito alle famiglie siglato il 31 marzo 2015.
Tale iniziativa è stata pertanto prorogata al 31 luglio 2018; rimangono invariate le condizioni di sospensione previste nell’accordo ABI/AACC del 31 marzo 2015.


In considerazione del grave disagio socio economico derivante dagli eventi metereologici che hanno colpito i soggetti residenti o aventi sede legalee/o operativa nei comuni individuati, i soggetti titolari di mutui relativi agli edifici distrutti o resi inagibili anche parzialmente ovvero alla gestione di attività di natura commerciale ed economica svolte nei medesimi edifici.

I Clienti interessati hanno diritto di chiedere, fino alla ricostruzione, all’agibilità o all’abitabilità del predetto immobile e comunque non oltre la data di cessazione dello stato di emergenza, una sospensione delle rate dei medesimi mutui, optando tra la sospensione dell'intera rata e quella della sola quota capitale.

La sospensione potrà essere richiesta per un periodo non superiore a 12 mesi dalla data di presentazione della richiesta. I tempi di rimborso e i costi dei pagamenti sospesi verranno calcolati in base a quanto previsto dall'Accordo del 18 dicembre 2009 tra l'ABI e le associazioni dei consumatori, in tema di sospensione dei pagamenti.


In considerazione del grave disagio socio economico derivante dagli eventi sismici avvenuti il 21 agosto 2017, che hanno colpito le popolazioni residenti nei comuni di Casamicciola Terme, di Forio e di Lacco Ameno dell'Isola di Ischia, Barclays desidera informare i clienti aventi residenza oppure sede legale e/o operativa in uno dei comuni interessati dagli eventi sismici della possibilità di richiedere la sospensione dei pagamenti delle rate dei mutui ipotecari relativi ad immobili distrutti, danneggiati, inagibili o inabitabili, anche parzialmente, oppure relativi alla gestione di attività di natura commerciale ed economica svolta negli stessi, previa presentazione di autocertificazione del danno subito, resa ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445 e successive modificazioni ed integrazioni.


In considerazione del grave disagio socio economico derivante dagli eventi sismici avvenuti dal 24 agosto al 30 ottobre 2016, che hanno colpito le popolazioni residenti nelle provincie dei comuni di Ascoli Piceno, Fermo, L’Aquila, Macerata, Perugia, Teramo, Terni, Rieti (per l’elenco dei comuni coinvolti è possibile consultare la sezione “Comuni interessati” del sito Barclays), in attuazione del Protocollo di Intesa tra l’Associazione Bancaria Italiana, il Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri e le Associazioni dei Consumatori, siglato il 26 ottobre 2015, in attuazione della Ordinanza della Protezione Civile del 26 agosto 2016, del decreto legge n. 189 del 17 ottobre 2016, nonché del decreto legge n. 205 dell’11 novembre 2016, Barclays desidera informare i clienti aventi residenza oppure sede legale e/o operativa in uno dei comuni interessati dagli eventi sismici della possibilità di richiedere la sospensione dei pagamenti delle rate dei mutui ipotecari o chirografari e dei prestiti personali relativi ad immobili distrutti, danneggiati, inagibili o inabitabili, anche parzialmente, oppure relativi alla gestione di attività di natura commerciale ed economica svolta negli stessi


PROROGA

Con riferimento alla modifica dell’articolo 14, comma 6 del decreto-legge 30 dicembre 2016, n.244, convertito, con modificazioni , dalla legge 27 febbraio 2017, n.19, è stato prorogato al 31 dicembre 2020 il termine della sospensione del pagamento delle rate dei mutui e dei finanziamenti, a seguito degli eventi sismici del 2016 nel Centro Italia.
La proroga è stata estesa al 31 dicembre 2021 per le attività economiche, nonché per i soggetti privati per i mutui relativi alla prima casa di abitazione, inagibile o distrutta, localizzate nella cosiddetta “zona rossa”.


COMUNICAZIONE RELATIVA AI CLIENTI CON MUTUO INDICIZZATI AL TASSO DI INTERESSE EURIBOR ACT/365

A far data dal 31 marzo 2019, l’EMMI (“European Money Markets Institute”) amministratore dei tassi di interesse Euribor, ha cessato la pubblicazione del tasso Euribor secondo la convenzione “Act/365 giorni”. Anche dopo tale data, EMMI continuerà invece a pubblicare il tasso Euribor secondo la convenzione “Act/360 giorni”.
Pertanto, a partire dal primo aprile 2019, il tasso applicabile al contratto sarà calcolato secondo le modalità formulate da ABI per convertire il tasso Euribor con base “Act/360 giorni” in quello con base “Act/365 giorni”.
In particolare, ABI, richiamando quanto indicato sul sito di EMMI, ha segnalato che il tasso base “Act/360 giorni” può essere convertito in quello con base “Act/365 giorni” con la seguente formula:
tasso Euribor base 365 = tasso Euribor base 360 x (365/360).
ABI, ancora richiamando EMMI, ha specificato che l’arrotondamento è fissato a tre decimali dopo la virgola.
Tale nuova metodologia di calcolo non comporterà alcuna modifica al tasso di interesse applicato ai rapporti indicizzati al suddetto parametro.
Per ogni ulteriore chiarimento può contattare il Servizio Clienti al numero 800.205.205 da rete fissa oppure il numero a pagamento +39 02541199 in caso di chiamata da telefono cellulare, dal lunedì al venerdì dalle ore 8:00 alle ore 19:00.