Inoltro Reclamo

AVVISO IMPORTANTE: Dal mese di ottobre 2017 gli uffici amministrativi di Barclays Bank PLC sono in Via della Moscova 18 – 20121 Milano.
Preghiamo la gentile Clientela di indirizzare la corrispondenza diretta ad Ufficio Reclami unicamente a tale indirizzo.

Informazioni da segnalare al cliente in merito alla trattazione dei reclami.

È obiettivo di Barclays Bank plc garantire un elevato livello di servizio, al fine di gestire in modo sensibile, rapido e corretto la relazione con il Cliente, anche quando tale rapporto preveda la gestione di un reclamo. Ogni Cliente può rivolgersi all'Ufficio Reclami della Banca per qualunque controversia derivante da rapporti intrattenuti con la Banca. Il reclamo può essere inoltrato in forma verbale (chiamando il numero verde 800.205.205 in alternativa presso la propria filiale) oppure in forma scritta ed inviato all'Ufficio Reclami:

• tramite raccomandata, o A/R, raccomandata consegnata a mano o per corrispondenza ordinaria all'indirizzo: Ufficio Reclami - Via della Moscova, 18, 20121 Milano
• via fax al n. 02/54153222
• per e-mail all'indirizzo reclami@barclays.it
• per e-mail certificata all’indirizzo barclays.regulatory@pec.barclaysbank.it
• per via informatica compilando il form presente sul sito internet: Form Inoltro Reclamo

L'Ufficio Reclami è parte dell'unità Front Line Support della Banca.
Le risposte inviate alla clientela da parte dell'Ufficio Reclami includono:

• se il reclamo è ritenuto fondato, le iniziative che la Banca si impegna ad assumere;
• se il reclamo è ritenuto infondato, una illustrazione chiara ed esauriente delle motivazioni del rigetto

In entrambi i casi, vengono sempre indicate la possibilità di adire l'Arbitro Bancario Finanziario o altre forme di risoluzione stragiudiziale delle controversie.

La Gestione Del Reclamo Ex Accordo ABI
Con l'adesione all'Accordo ABI, la Banca si impegna alla concreta costituzione dell'Ufficio Reclami e al rispetto dei termini regolamentari nei confronti della Clientela, riservandosi ogni decisione in merito alle procedure interne ed alle deleghe da attribuire nell'evasione dei reclami. Ai fini dell'Accordo, il responsabile dell'Ufficio Reclami risponde delle procedure e degli atti connessi ai rilievi della Clientela e rappresenta il referente diretto della Banca nei confronti dell'Arbitro Bancario Finanziario e dell'Arbitro per le Controversie Finanziarie.

Arbitro Bancario Finanziario - ABF
L'ABF è un sistema di risoluzione stragiudiziale delle controversie che non ha natura conciliativa. Ha caratteristica di organismo imparziale, avente il compito di risolvere una questione insorta tra cliente ed intermediario attraverso una decisione emanata dal collegio giudicante. La competenza dell'ABF è limitata alle controversie relative ad operazioni e servizi bancari e finanziari, restando così escluse le controversie relative ai servizi d'investimento che invece possono essere sottoposte all'Arbitro per le Controversie Finanziarie (ACF).

Il cliente che non riceve risposta dall'intermediario entro il predetto termine di 30 giorni di calendario o che rimane insoddisfatto dalla risposta ricevuta, può presentare ricorso all'ABF:

• se l'operazione o il comportamento contestato è successivo alla data del 1°.1.2009;
• nel limite di 100.000 euro se il reclamo comporta la richiesta di una somma di denaro;
• senza limiti di importo, in tutti gli altri casi;
• se non sono trascorsi più di 12 mesi dalla presentazione del reclamo alla Banca.

Il cliente, dopo aver presentato il ricorso, dovrà darne tempestiva comunicazione all'intermediario. Una volta ricevuta la predetta comunicazione, l'intermediario dovrà:
- Comunicare tempestivamente all'indirizzo di posta elettronica della segreteria tecnica competente la data di ricezione della comunicazione del cliente;
- Trasmettere alla competente segreteria, entro 45 giorni dalla ricezione della predetta comunicazione, le proprie controdeduzioni, unitamente a tutta la documentazione utile ai fini della valutazione del ricorso, ivi compresa quella relativa alla fase di reclamo.
Resta ferma la possibilità per il cliente e per la Banca di ricorrere all'autorità giudiziaria ordinaria.

Allegato: pdf - ABF - Risoluzione stragiudiziale controversie
Allegato: pdf - ABF - Regolamento Conciliatore Bancario Finanziario

Arbitro per le Controversie Finanziarie – ACF
L'ACF è un sistema di risoluzione stragiudiziale delle controversie insorte tra risparmiatori e intermediari relativamente agli obblighi di diligenza, correttezza, informazione e trasparenza cui gli intermediari sono tenuti, nei rapporti con gli investitori, nella prestazione dei servizi di investimento e di gestione collettiva del risparmio.
Sono esclusi dalla cognizione dell'ACF i danni che non sono conseguenza immediata e diretta dell'inadempimento o della violazione da parte della Banca dei suddetti obblighi, quelli che non hanno natura patrimoniale e le controversie che implicano la richiesta di somme di denaro per un importo superiore a 500.000 euro.

Il Cliente può rivolgersi all'ACF a condizione che:

• abbia preventivamente presentato sui medesimi fatti reclamo alla Banca al quale sia stata fornita espressa risposta ovvero siano decorsi più di 30 giorni dalla sua presentazione senza che la Banca abbia comunicato al Cliente le proprie determinazioni;

• non sia decorso più di 1 anno dalla data di presentazione del reclamo alla Banca, ovvero, se il reclamo sia stato presentato anteriormente alla data di avvio dell'operatività dell'ACF, entro un anno da tale data (9.1.2017);

• non siano pendenti altre procedure di risoluzione extragiudiziale delle controversie sui medesimi fatti.


La presentazione del ricorso avviene online, attraverso il sito web dell'ACF (www.acf.consob.it). Occorre registrarsi sul sito e, ottenute le credenziali, accedere all’area riservata e proporre il ricorso.

Una volta ricevuta la comunicazione del ricorso, l'intermediario dovrà trasmettere alla competente segreteria, entro 45 giorni, le proprie controdeduzioni, unitamente a tutta la documentazione inerente al rapporto oggetto della controversia.

L'accesso all'Arbitro è del tutto gratuito per l'investitore e sono previsti termini ridotti per giungere ad una decisione (90 giorni dal completamento del fascicolo contenente il ricorso, le deduzioni e la documentazione prodotta dalle parti e comunque non oltre 180 dalla presentazione del ricorso).

Resta ferma la possibilità per il cliente e per la Banca di ricorrere all'autorità giudiziaria ordinaria.

Per maggiori informazioni sull'ACF è possibile consultare il sito Internet www.acf.consob.it

La data di avvio dell'operatività dell'ACF è il 9 gennaio 2017. A partire da tale data la Camera di Conciliazione ed Arbitrato presso la Consob e l'Ombudsman – Giurì Bancario non accetteranno più nuovi ricorsi, pur continuando a gestire quelli già ricevuti.

Allegato: pdf - ACF - Regolamento
Allegato: pdf - ACF - Brochure

In caso di controversie su prodotti e servizi assicurativi qualora il cliente non dovesse ritenersi soddisfatto dall’esito del reclamo o in caso di assenza di riscontro, può rivolgersi all'IVASS – Servizio Vigilanza Intermediari, via del Quirinale n. 21 – 00187 Roma – allegando la documentazione relativa al reclamo trattato dalla Banca o dall'impresa preponente.


PDF - Rendiconto Reclami 2016


Contatti

Numero verde attivo dal Lunedì al Venerdì dalle ore 08.00 alle 19.00

800.205.205

Dall'estero
0039.02.4037.8205
Da cellulare
+39 02.541199
Email
clientservice@barclays.it
Fax
02.5415.2512


Cookies – questo messaggio comparirà una sola volta.


Barclays utilizza cookies su questo sito. I cookies ci aiutano a capire un po’ meglio le tue preferenze e come utilizzi il nostro sito internet, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione e di marketing tua e degli altri. I cookies vengono memorizzati localmente sia sul tuo computer che sul tuo dispositivo mobile. Per accettare l’uso di cookies basta continuare a navigare normalmente o, in alternativa, puoi cliccare alla sezione dedicata del sito 'cookie' per avere ulteriori informazioni

Vorrei sapere di più su

Contatti

Numero verde attivo dal Lunedì al Venerdì dalle ore 08.00 alle 19.00

800.205.205

Dall'estero
0039.02.4037.8205
Da cellulare
+39 02.541199
Email
clientservice@barclays.it
Fax
02.5415.2512

Inoltro Reclamo

AVVISO IMPORTANTE: Dal mese di ottobre 2017 gli uffici amministrativi di Barclays Bank PLC sono in Via della Moscova 18 – 20121 Milano.
Preghiamo la gentile Clientela di indirizzare la corrispondenza diretta ad Ufficio Reclami unicamente a tale indirizzo.

Informazioni da segnalare al cliente in merito alla trattazione dei reclami.

È obiettivo di Barclays Bank plc garantire un elevato livello di servizio, al fine di gestire in modo sensibile, rapido e corretto la relazione con il Cliente, anche quando tale rapporto preveda la gestione di un reclamo. Ogni Cliente può rivolgersi all'Ufficio Reclami della Banca per qualunque controversia derivante da rapporti intrattenuti con la Banca. Il reclamo può essere inoltrato in forma verbale (chiamando il numero verde 800.205.205 in alternativa presso la propria filiale) oppure in forma scritta ed inviato all'Ufficio Reclami:

• tramite raccomandata, o A/R, raccomandata consegnata a mano o per corrispondenza ordinaria all'indirizzo: Ufficio Reclami - Via della Moscova, 18, 20121 Milano
• via fax al n. 02/54153222
• per e-mail all'indirizzo reclami@barclays.it
• per e-mail certificata all’indirizzo barclays.regulatory@pec.barclaysbank.it
• per via informatica compilando il form presente sul sito internet: Form Inoltro Reclamo

L'Ufficio Reclami è parte dell'unità Front Line Support della Banca.
Le risposte inviate alla clientela da parte dell'Ufficio Reclami includono:

• se il reclamo è ritenuto fondato, le iniziative che la Banca si impegna ad assumere;
• se il reclamo è ritenuto infondato, una illustrazione chiara ed esauriente delle motivazioni del rigetto

In entrambi i casi, vengono sempre indicate la possibilità di adire l'Arbitro Bancario Finanziario o altre forme di risoluzione stragiudiziale delle controversie.

La Gestione Del Reclamo Ex Accordo ABI
Con l'adesione all'Accordo ABI, la Banca si impegna alla concreta costituzione dell'Ufficio Reclami e al rispetto dei termini regolamentari nei confronti della Clientela, riservandosi ogni decisione in merito alle procedure interne ed alle deleghe da attribuire nell'evasione dei reclami. Ai fini dell'Accordo, il responsabile dell'Ufficio Reclami risponde delle procedure e degli atti connessi ai rilievi della Clientela e rappresenta il referente diretto della Banca nei confronti dell'Arbitro Bancario Finanziario e dell'Arbitro per le Controversie Finanziarie.

Arbitro Bancario Finanziario - ABF
L'ABF è un sistema di risoluzione stragiudiziale delle controversie che non ha natura conciliativa. Ha caratteristica di organismo imparziale, avente il compito di risolvere una questione insorta tra cliente ed intermediario attraverso una decisione emanata dal collegio giudicante. La competenza dell'ABF è limitata alle controversie relative ad operazioni e servizi bancari e finanziari, restando così escluse le controversie relative ai servizi d'investimento che invece possono essere sottoposte all'Arbitro per le Controversie Finanziarie (ACF).

Il cliente che non riceve risposta dall'intermediario entro il predetto termine di 30 giorni di calendario o che rimane insoddisfatto dalla risposta ricevuta, può presentare ricorso all'ABF:

• se l'operazione o il comportamento contestato è successivo alla data del 1°.1.2009;
• nel limite di 100.000 euro se il reclamo comporta la richiesta di una somma di denaro;
• senza limiti di importo, in tutti gli altri casi;
• se non sono trascorsi più di 12 mesi dalla presentazione del reclamo alla Banca.

Il cliente, dopo aver presentato il ricorso, dovrà darne tempestiva comunicazione all'intermediario. Una volta ricevuta la predetta comunicazione, l'intermediario dovrà:
- Comunicare tempestivamente all'indirizzo di posta elettronica della segreteria tecnica competente la data di ricezione della comunicazione del cliente;
- Trasmettere alla competente segreteria, entro 45 giorni dalla ricezione della predetta comunicazione, le proprie controdeduzioni, unitamente a tutta la documentazione utile ai fini della valutazione del ricorso, ivi compresa quella relativa alla fase di reclamo.
Resta ferma la possibilità per il cliente e per la Banca di ricorrere all'autorità giudiziaria ordinaria.

Allegato: pdf - ABF - Risoluzione stragiudiziale controversie
Allegato: pdf - ABF - Regolamento Conciliatore Bancario Finanziario

Arbitro per le Controversie Finanziarie – ACF
L'ACF è un sistema di risoluzione stragiudiziale delle controversie insorte tra risparmiatori e intermediari relativamente agli obblighi di diligenza, correttezza, informazione e trasparenza cui gli intermediari sono tenuti, nei rapporti con gli investitori, nella prestazione dei servizi di investimento e di gestione collettiva del risparmio.
Sono esclusi dalla cognizione dell'ACF i danni che non sono conseguenza immediata e diretta dell'inadempimento o della violazione da parte della Banca dei suddetti obblighi, quelli che non hanno natura patrimoniale e le controversie che implicano la richiesta di somme di denaro per un importo superiore a 500.000 euro.

Il Cliente può rivolgersi all'ACF a condizione che:

• abbia preventivamente presentato sui medesimi fatti reclamo alla Banca al quale sia stata fornita espressa risposta ovvero siano decorsi più di 30 giorni dalla sua presentazione senza che la Banca abbia comunicato al Cliente le proprie determinazioni;

• non sia decorso più di 1 anno dalla data di presentazione del reclamo alla Banca, ovvero, se il reclamo sia stato presentato anteriormente alla data di avvio dell'operatività dell'ACF, entro un anno da tale data (9.1.2017);

• non siano pendenti altre procedure di risoluzione extragiudiziale delle controversie sui medesimi fatti.


La presentazione del ricorso avviene online, attraverso il sito web dell'ACF (www.acf.consob.it). Occorre registrarsi sul sito e, ottenute le credenziali, accedere all’area riservata e proporre il ricorso.

Una volta ricevuta la comunicazione del ricorso, l'intermediario dovrà trasmettere alla competente segreteria, entro 45 giorni, le proprie controdeduzioni, unitamente a tutta la documentazione inerente al rapporto oggetto della controversia.

L'accesso all'Arbitro è del tutto gratuito per l'investitore e sono previsti termini ridotti per giungere ad una decisione (90 giorni dal completamento del fascicolo contenente il ricorso, le deduzioni e la documentazione prodotta dalle parti e comunque non oltre 180 dalla presentazione del ricorso).

Resta ferma la possibilità per il cliente e per la Banca di ricorrere all'autorità giudiziaria ordinaria.

Per maggiori informazioni sull'ACF è possibile consultare il sito Internet www.acf.consob.it

La data di avvio dell'operatività dell'ACF è il 9 gennaio 2017. A partire da tale data la Camera di Conciliazione ed Arbitrato presso la Consob e l'Ombudsman – Giurì Bancario non accetteranno più nuovi ricorsi, pur continuando a gestire quelli già ricevuti.

Allegato: pdf - Regolamento ACF
Allegato: pdf - ACF - Brochure

In caso di controversie su prodotti e servizi assicurativi qualora il cliente non dovesse ritenersi soddisfatto dall’esito del reclamo o in caso di assenza di riscontro, può rivolgersi all'IVASS – Servizio Vigilanza Intermediari, via del Quirinale n. 21 – 00187 Roma – allegando la documentazione relativa al reclamo trattato dalla Banca o dall'impresa preponente.


PDF - Rendiconto Reclami 2016